Messaggio più recente

A TUTTE LE MAMME


20230513_105058 “La mano che fa dondolare la culla

è la mano che regge il mondo.”

~ William Ross Wallace ~

CARE MAMME,

in questa giornata non c’è niente di meglio che dedicare due parole al posto dei fiori, le prime possono arrivare al cuore e restarci, i secondi appassiscono e poi…più nulla. Spero che queste parole arrivino soprattutto alle mamme del terzo millennio, coloro che hanno i figli in fase di crescita, in quella fase che si possono forgiare, plasmare uomini/donne affinchè siano fautori di un mondo migliore. Cercherò di essere breve, essenziale, come si dovrebbe essere con i giovani di oggi. Non servono sermoni, non servono prediche, servono valori.

Quei valori che i nostri genitori ci hanno instillato anche con il loro esempio, che ci hanno reso quello che siamo. Ci hanno insegnato che non si può ottenere sempre tutto, che salutare un adulto, un anziano per strada è una forma di rispetto, che aiutare e non deridere il diverso può farci sentire persone migliori. Non stancatevi mai, proprio come loro…date con amore…anche se sarete contestate, perché le vostre parole torneranno, al momento giusto. Quante volte lo abbiamo fatto noi, da ragazze, eppure quando ci vengono in mente quelle parole non possiamo negare di aver pensato più volte “quanto avevano ragione”….

Io ricordo sempre le parole del mio papà…”prima l’utile e poi il diletto”…perché la vita non si basa solo sul divertimento, per carità ci vuole pure, ma deve essere secondario alle cose primarie della vita. Se viviamo continuamente e costantemente nel divertimento, cosa costruiremo? Una vita spettacolare o una vita degna di una persona di valore? Ricordate poi che è soprattutto con l’esempio che si è più incisivi, perché per loro sarete sempre lo specchio dove si rivolgeranno, di conseguenza rifletteranno ciò che siete.

Non pensate che tutto sia inutile, tanto poi i ragazzi fanno come gli pare. Non sarà così, perché quando si è giovani si assorbe tutto come una spugna e dovete vedere come sarà bello rivedere voi nelle loro azioni. Se ciò accadrà significa che avete fatto un ottimo lavoro….

25 APRILE

PSX_20230424_212504

#FestaDellaLiberazione

#25AprileSempre #Libertà

La guerra è finita…

Cӏ un silenzio che parla.

Si respira aria di pace,

finalmente si possono

guardare le stelle con serenità.

Gioia e felicità ci coglie,

non servono parole.

Che i cannoni sparino

vita per le strade, ci si abbraccia,

son tutti pazzi, si ascoltano

parole da tempo dimenticate.

Finalmente è pace in tutto il mondo.

Non si sentirà più tremare il cielo,

non si palpiterà più

al primo rumore che ci coglie.

Non ci sarà più l’ansia

ad aprire missive

con notizie agghiaccianti.

Niente più attese estenuanti,

vivendo nel ricordo di un passato

che possa diventare futuro.

Che tutto ciò non si ripeta,

che diventi un brutto sogno,

da dimenticare,

quell’incubo che ha tenuto tutti svegli,

da cancellare.

Che possa regnare nel mondo

la pace e la possibilità

di gridare all’unisono LIBERTÀ…

A.M.A.

Centenario Rocco Scotellaro


20230418_231315

Nel collage il dipinto raffigurante Rocco Scotellaro fatto da Carlo Levi e due poesie tratte da una sua raccolta..

Rocco Scotellaro (Tricarico, 19 aprile 1923 – Portici, 15 dicembre 1953) è stato scrittore, poeta, politico, contadino. Oggi nel centenario della sua nascita, riprendiamo in mano le sue opere e ripensiamo a lui, che è stato impegnato sul fronte della lotta sociale, che si è battuto per i diritti del popolo meridionale.

Ricordiamo questo grande personaggio del Novecento italiano con una sua poesia, la più nota, la “Marsigliese contadina” secondo la definizione di Carlo Levi…

 

SEMPRE NUOVA È L’ALBA.

(Sono due terzine, una quartina e una pentastica scolpita sulla tomba di Rocco)

Non gridatemi più dentro

non soffiatemi in cuore

i vostri fiati caldi contadini.

 

Beviamoci insieme una tazza colma di vino

che all’ilare tempo della sera

s’acquieti il nostro vento disperato.

 

Spuntano ai pali ancora

le teste dei briganti, e la caverna –

l’oasi verde della triste speranza –

lindo conserva un guanciale di pietra…

Ma nei sentieri non si torna indietro.

 

Altre ali fuggiranno

dalle paglie della cova,

perché lungo il perire dei tempi

l’alba è nuova, è nuova.

 

Attraverso il link sottostante potete ascoltare alcune delle sue poesie ⤵️⤵️⤵️

https://www.facebook.com/iPoetiEstinti/videos/229094458478461/

 

 

AL MIO PAPÀ

IMG-20230304-WA0001

Il mio primo amore…

ricordo me bambina quando venivo a spiare le lezioni ed ero gelosa che le tue attenzioni erano solo per quei ragazzi che volevano imparare a suonare. Quando ti arrabbiavi, non appena sbagliavano, e alzavi la voce con loro, per le steccate che prendevano, io scappavo a nascondermi. Anche io povero scricciolo avrei voluto imparare a suonare e qualcosa ho appreso, non sapevi di aver plasmato una spugna avida di sapere. E quando di nascosto ho poggiato la mia manina sulla tastiera e mi hai sentito, sei arrivato sorpreso, e subito volevi insegnarmi a usarle tutte e due. Ma io testona mi rifiutai, aver imparato a leggere il pentagramma, rubando le tue lezioni dietro la porta, per me era già una vittoria. Sei stato unico, non c’è nessuno al mondo che sia come te. Forse fisicamente qualcuno ti può somigliare ma il tuo essere non lo troveremo facilmente. Mi hai trasmesso i valori più importanti, ad essere onesta come te, ad essere rigida al punto giusto, amorevole verso chi soffre, a sorridere sempre anche se dentro stai soffrendo, a sprizzare allegria come solo tu sapevi fare. Ovunque andavi c’era armonia, portavi gioia, spensieratezza, eri un giocherellone e nessuno ha mai amato come hai fatto tu, per tutta la vita, fino all’ultimo respiro che non volevi perdere. Tant’è che te ne sei andato insieme a lei incurante di chi ancora aveva bisogno di te. Spero immensamente che qualcosa esista Lassù per poterci riabbracciare un giorno come non ho mai fatto prima. È stata dura senza di te ma piano piano ce l’ho fatta. Sei sempre nel mio cuore perché è difficile dimenticare una persona speciale come te, dolce e generosa con tutti….

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA

#GiornataInternazionaleDellaDonna
#NoiNonFesteggiamo #NoiRicordiamo

La tecnologia accorcia le distanze, noi ci siamo riuscite, ma la cosa più bella è essere riuscite a convergere, senza alcun accordo a monte, verso un unico filo conduttore….l’antichità! Questo è il potere delle donne “comprendersi senza parlare”…
LA MERAVIGLIA DELLE MERAVIGLIE in un video…passando attraverso tutte le generazioni dai 20 agli ultra 80…

“E tu eri proprio come la luna,
così sola, cosÌ piena di imperfezioni
Ma proprio come la luna,
tu brillavi nei momenti di oscurità…”

Tag

Ultime visite:




Iscriviti al blog

Iscriviti a questo blog per ricevere i post più recenti.

Elogio dell’imperfezione